danielelussana, insieme

insieme perché solo con il confronto e il dialogo riusciremo a trasformare la nostra delusione e la nostra rabbia in qualcosa che ci avvicini alla realizzazione delle nostre speranze…

me me

Scrivo frasi, mezze frasi, su fogli e foglietti da sempre.

Mi servono per fissare fisicamente un pensiero che ogni volta mi convinco saprò poi sviluppare con il tempo…

Anche se ora grazie a smartphone, pc, e tablet avrei la possibilità di organizzarli in modo ordinato, il più delle volte, per istinto, cerco matita e carta per cristallizzarli fisicamente e, soprattutto, per non scordarli un quarto d’ora dopo.

Molti di questi finiscono in qualche cassetto o in una delle tante pile di carta che compongono il mio quotidiano. Fanno questa non-fine perchè poi, nella quotidianità comandata dalle varie necessità, il tempo per sviluppar spunti si limita… e si devono fare scelte.


Alcuni di questi “pizzini” mi ritornano in mano quando sono alla ricerca di qualcos’altro, per qualche secondo ritornano vivi e presenti ma poi ritornano ad essere intenzionalità sospese in mucchi anonimi, alla stregua di una qualsiasi lista della spesa spuntata o di uno scontrino.
Per non parlare di quelli che finiscono dritti nel cestino, condannate all’oblio dal bisogno di fare ordine (ogni tanto bisogna fingere di sfuggire all’entropia).

Come dicevo, questi foglietti raccolgono spesso delle frasi o dei brevi pensieri (non voglio chiamarli aforismi perchè non credo siano degni di questo nome…), impressioni alle quali, magari stupidamente, nel tempo mi sono affezionato e che credo possano ancora essere utili.
Anche solo come spunto per una conversazione o, perchè no, per una riflessione personale.

L’idea quindi di trascrivere queste “note” in digitale facendone dei “meme” viene per soddisfare due esigenze: non disperderle e quindi non perdere la possibilità di farne germogli di possibilità e liberarmi da questa massa di carta prima che finisca in un cassonetto.

L’intenzione non è quella di dirigere opinioni o di convincere qualcuno su una tesi o una posizione circa un fatto o una situazione. L’intenzione è che non c’è nessuna intenzione se non quella di voler/poter sperimentare la mia e la vostra libertà.

Ve li lascio così, senza un significato.
Faticate un po’ voi nel darglielo.

(i me-me sono in totale circa 200. Presto i rimanenti ora in fase di trascrizione)

consigliati

ricette e molto altro... dal 2010
pied de coq, selezionati dal Gallo e dal pollaio
centro sperimentale di comunicazione -  raccolta idee differenziate
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: